Credito Sportivo

  • -

Credito Sportivo

Tags : 

Credito Sportivo

 Credito sportivo, come accedere ai  finanziamenti per impianti sportivi dedicati esclusivamente al mondo no profit usufruibili da associazioni e società sportivo dilettantistiche e destinati alla creazione  o ristrutturazione di una palestra o impianto sportivo

I finanziamenti e i prestiti non sono esclusivo appannaggio di chi insegue il guadagno a tutti i costi; esistono anche istituti pubblici e privati  per il sostegno allo sport e alla cultura attraverso finanziamenti erogati all’impiantistica sportiva.

Il più importante istituto pubblico è sicuramente il “ Credito Sportivo” che ha un’esperienza consolidata in oltre cinquant’anni di attività legata al sostegno di enti pubblici e  soggetti privati aiutandoli a realizzare i loro progetti di sviluppo con la concessione di mutui che possono godere di tassi particolarmente agevolati usufruendo di un contributo statale istituito grazie ad un fondo speciale a gestione separata. Unica condizione per poter accedere a questo finanziamento  agevolato è che la struttura che si va ad istituire abbia l’approvazione del C.O.N.I. e che quindi sia perfettamente conforme ai canoni previsti per lo sviluppo dello sport in attività no-profit.

Altro istituto dedicato interamente al mondo no –profit  è Banca Prossima, una banca facente parte del Gruppo Intesa SanPaolo. L’obiettivo è sicuramente quello di sostenere un settore che non può avere le risorse di reddito necessario a garantire un finanziamento canonico ponendosi quindi nella funzione di “banchiere sociale” finanziando progetti di Terzo Valore.

Banca Prossima  garantisce le somme  necessarie per far fronte agli impegni verso i sostenitori, erogando credito alle iniziative no-profit concrete e di sicuro sviluppo che erogano realmente servizi sociali funzionali tra gli altri allo sport e al  benessere individuale.

Questo ovviamente permette di dare una possibilità concreta alle migliori iniziative sportive e non, spesso penalizzate dai criteri convenzionali di valutazione bancaria gestendo un suo modello di rating innovativo che ha tra i propri parametri la valorizzazione dei servizi offerti dalle organizzazioni no-profit e la capacità di sostenere la loro attività. I fondi sono garantiti da un fondo per lo sviluppo dell’impresa sociale nel quale la Banca versa ogni anno almeno la metà degli utili.

L’erogazione del credito avviene a seguito del consenso fornito dal comitato di solidarietà e sviluppo formato da personalità famose e indipendenti appartenenti al mondo no-profit.

Per ultimo per gli impianti già esistenti e recentemente ristrutturati esiste la possibilità di rifinanziare quanto spero per i lavori in genere negli ultimi sei mesi al fine di ridistribuire liquidità necessaria al sostentamento del centro.