Monthly Archives: Agosto 2016

  • -

il diritto agli utili del socio nella SRL

Tags : 

diritto agli utili nella srl 2

Il Diritto agli utili del socio nella SRL

Il diritto agli utili è un diritto del socio che può essere espresso fondamentalmente in due modi:
 
A) lo statuto della srl può prevedere sia il voto sulla redistribuzione degli utili dell’organo amministrativo (consiglio di amministrazione)
B) il diritto all’esercizio potrebbe sorgere già in relazione all’emersione di utili netti, per effetto della mera approvazione del bilancio, come avviene per le società di persone.
Esistono poi una serie di regole particolari che possono essere inserite in statuto o anche verbalizzati successivamente ( esempio nella adozione della trasparenza  fiscale dove è possibile verbalizzare una percentuale di utili che il socio lavoratore percepisce diversa dalla sua partecipazione societaria ) come una proporzione diversa nella ripartizione degli utili a favore del socio ( con esclusione del patto leonino, ovvero il dividendo di escludere un socio da utili o perdite) o anche un diritto particolare vantato ad esempio sugli utili relativi solo all’andamento di uno specifico settore o divisione aziendale dell’attività della società ( escludendo gli altri settori) che però va gestito con istituzione di una contabilità separata). Restano invece vietate invece eventuali clausole che trasformino il diritto agli utili in forma di tass di interesse, cioè di diritto a un determinato rendimento indipendentemente dal risultato d’esercizio.

 


  • -

società cooperativa agevolazioni fiscali tassazione novità

Tags : 

 


società cooperativa agevolazioni fiscali tassazione novità

Turismo e fisco by Omnia Consulting il tuo Commercialista a Roma

I nostri servizi di consulenza aziendale e fiscale sono altamente qualitativi, offriamo qualità e competenza non come l’escapologo fiscale un personaggio astratto e non qualificato che opera con un meccanismo di network marketing ma una vera consulenza professionale al servizio dell’imprenditore.

Turismoefisco by Omnia Consulting vi offre la possibilità di gestire in maniera corretta la vostra azienda dando una risposta efficiente ed efficace ad ogni vostra problematica.

Richiedete info gratuite per aiutarci a valutare meglio le vostre esigenze

Gestioni Particolari: Consorzi e società Cooperative 

CONSULENZA  ED ELABORAZIONI SULLA CORRETTA GESTIONE  DI CONSORZI E SOCIETA’ COOPERATIVE

 

La gestione contabile e fiscale di Consorzi e società Cooperative prevede numerosi adempimenti e procedure da effettuare in tempi e modi specifici per gestire in maniera corretta e adeguata la struttura cooperativa, ottenere agevolazioni importanti e soddisfare i principi mutualistici cui son legate le società.

Affronteremo insieme le numerose problematiche legate alla sua corretta predisposizione ( dall’atto costitutivo  con previsione dei Ristorni e del principio mutualistico alle corrette impostazioni dei Regolamenti interni, alle assunzioni e ai rapporti con il Ministero dello Sviluppo economico e le comunicazioni  ai soci per le corrette richieste di adesione ai contributi biennali  per finire ai contratti ) delineano spesso anche nei confronti degli Enti predisposti e al fine di identificare la mutualità prevalente  la possibilità di gestire correttamente l’attività o il cambiamento del regime societario ( poiché magari non adatto)

Vuoi saperne di piu? inviaci un quesito gratuito compilando il nostro form di contatto

Creare un’impresa cooperativa necessita la conoscenza di alcuni elementi di base che di seguito riportiamo e la sezione caratteristica in cui la cooperativa  si dovrà posizionare: 
– Cooperativa Sociale;
– Cooperativa Edilizia;
– Cooperativa di Produzione e Lavoro;
– Cooperativa di Servizi.( editoriali di trasporto di credito etc)
-* Cooperative Agricole.
 
Per costituire una cooperativa occorrono almeno 3 persone e un consiglio di amministrazione del quale solo uno può essere anche un non socio. La cooperativa è una società senza fini di lucro e tutti gli avanzi di gestione costituiscono patrimonio sociale  e possono essere destinati agli investimenti, allo sviluppo dell’attività d’impresa, alla’ istituzione di servizi comuni, alla formazione ed elevazione delle capacità professionali dei soci. La cooperativa è una società a responsabilità limitata. L’Atto costitutivo avviene con la presenza di un. La quota sociale minima è di 25 euro per ciascun socio ma, nella pratica, questa cifra è più alta per far fronte alle prime spese costitutive 
 
Tra le valutazioni preliminari  è possibile effettuare anche la fattibilità economica dell’idea imprenditoriale attraverso la stesura di un business plan. A seconda del tipo di attività, inoltre, si valuta qual è il tipo di cooperativa che conviene fare: una cooperativa sociale, una di produzione e lavoro, una di servizi piuttosto che un’ agricola o una forestale. Le prime spese da affrontare sono la costituzione presso un notaio che si aggira attorno ai 1.700 euro. Poi occorre acquistare i libri sociali (libro verbali assemblee, libro verbali consiglio di amministrazione etc.) 
 
Le cooperative sono soggette, inoltre, ad un’a ispezione biennale che certifica il mantenimento dei requisiti mutualistici che sono condizione imprescindibile per accedere ai benefici fiscali.  Questa revisione viene in genere svolta dal Ministero dello Sviluppo Economico ovvero da un’associazione riconosciuta di cooperative ( es  Confcooperative).
Il costo di gestione di una Cooperativa varia  a seconda del fatturato, del capitale sottoscritto, del numero di soci e della tipologia di cooperativa Engage Consulting offre questo servizio a partire da 1.800,00 euro oltre Iva annuo.  
 
Turismoefisco by Omnia Consulting può  seguire in tutto e per tutto la società  società semplificandone il lavoro amministrativo e prendendo in carico tutti gli obblighi fiscali, tutelando al meglio l’attività in tutte le sue caratteristiche peculiari.
 
 
 
         
  Analizzeremo insieme la normativa e compiremo le giuste scelte; ci occuperemo dei vostri documenti e vi forniremo gli strumenti e le strategie per crescere con successo e in tranquillità per arrivare all’obiettivo di:

  • Assicurarvi che tutti i documenti e gli obblighi di legge siano correttamente effettuati;
  • Ridurre il tempo necessario per la burocrazia amministrativa, in modo da dedicarvi maggiormente all’attività vera e propria;
  • Permettervi di crescere in sicurezza;
  • Analisi della corretta predisposizione dell’atto costitutivo
  • Un Commercialista specializzato
  • Bilanci aggiornati e commentati
  • Analisi dei documenti giustificativi (quietanze di pagamento/
  • Ricevute di iscrizione, verbali e richieste di iscrizione soci gestione del deliberazioni del consiglio di Amministrazione)
  • Automatizzazione del Libro di Prima Nota e controllo dei dati inseriti;
  • Contratti di Lavoro gestione del Regolamento interno L.142/2001 e interni
  • Certificazione Unica e modelli 770
  • Assistenza alla Revisione Biennale obbligatoria, calcolo contributo annuo e del 3% sugli utili;
  • Tenuta del Libro Unico del Lavoro;
  • Calcolo versamenti delle ritenute e dei contributi da operare;
  • Predisposizione e invio telematico dei modelli  Agenzia delle Entrate;
  • Predisposizione del libro soci e delle variazioni intervenute ;
  • Calcolo della mutualità prevalente inserimento nella Nota integrativa;
  • Calcolo e Versamenti periodici dell’IVA, mediante modello F24;
  • Calcolo e Versamenti imposte (IRES e IRAP);
  • Compilazione e Invio Modello UNICO ENC;
  • Compilazione e Invio Spesometro;
  • Controllo e aiuto alla corretta tenuta del Registro IVA Minori;
  • Consulenza anche telefonica via email e Skype ( se fuori Lazio)
  • Aiuto nella scelta del software specifico
  • Istituzione,analisi e controllo dei registri obbligatori.
  • Calcolo delle imposte per le società a mutualità prevalente: Le cooperativa a mutualità prevalente godono di agevolazioni fiscali, tra le piu importanti è opportuno segnalare che  nella  formazione del reddito imponibile non concorre il 30 per cento degli utili netti annuali;

    – se destinato  di riserva legale: concorre il 30 per cento degli utili netti

    – non concorre la rimanente quota degli utili netti se destinata a riserva indivisibile;   -non concorre la quota del 3 per cento degli utili netti destinata obbligatoriamente ai fondi mutualistici;

    Per questo nelle cooperative a mutualità prevalente  la non applicazione dell’articolo 12 della legge 904/1977 prevista sul 30 per cento degli utili netti sulla  loro imponibilità  è disposta indipendentemente dalla loro destinazione, quindi sia nel caso in cui siano destinati a riserva indivisibile che diversamente. 

    Tutte le altre cooperative e i consorzi che non  detengono i requisiti della mutualità prevalente, l’agevolazione si applica limitatamente alla quota del trenta per cento degli utili netti annuali destinati a riserva legale, sempre che tale quota, per espressa previsione statutaria, venga accantonata a riserva indivisibile

    Viceversa le le cooperative senza clausole mutualistiche , non avendo accesso ai benefici fiscali, subiscono una tassazione piena e dovranno accantonare al fondo di riserva legale il 20 per cento degli utili netti annuali. Ovviamente, queste cooperative non devono rispettare alcun vincolo di destinazione degli utili a riserve indivisibili. 

    vediamo insieme un esempio: 

    Utile lordo …………………………………………………………………………………1.000,00 

    Variazioni fiscali in aumento        ……………………………………………………… 200,00 

    accantoniamo l’intero utile a riserva indivisibile: ……………………………….   .1.000,00

    utile netto ……………………………………………………………………………………835,00 Variazioni in aumento ……………………………………………………………………..200,00

    Quota utile imponibile ……………………………………………………………………..251,00 Variazioni in aumento per imposte……………………………………………………… 165,00 

    Totale variazioni in aumento ……………………………………………………………..616,00

  • Variazione in diminuzione per utile netto……….. – Quota utile imponibile           251,00  Riserva minima ………………………………………………………………………….   251,00 

    Quota accantonata a riserva indivisibile ………………………………………………..333,00 

    Quota fondi mutualistici 3%………………………………………………………………. 25,00

    Totale variazioni in diminuzione …………………………………………………………951,00 

    Reddito imponibile 500,00 …………………………………………………..IRES……. 165,00 

    utile netto pari …………………………………………………………………………….. 835,00 

    Il calcolo da effettuare prevede uno schema determinato in modo che è necessario calcolare l’importo dell’utile netto e delle imposte indeducibili mediante una sequenza crescente in cui ciascun elemento della serie è maggiore di quello che precede, ma, essendo l’incremento sempre minore, la sequenza si arresta a un dato arrotondamento prestabilito 

Contattaci ora al n. 392.064.6169 anche  oppure via email spiegandoci le tue esigenze.